chiudi

Frutti esotici

Tutti i prodotti

Ananas 250

Ananas 250g

Farina di cocco 250

Farina di cocco 250g

Ginger 150

Ginger 150g

Mix esotico 200

Mix esotico 200g

COSA SONO?
Quella del marchio Ventura, è una storia che inizia nelle più vocate terre da frutta, dove le condizioni ambientali e climatiche si uniscono alla più evoluta competenza agroalimentare e al rispetto della natura.
Da queste aree arriva la frutta esotica Ventura lavorata e confezionata con cura, per conservare al meglio sapori, aromi e proprietà nutrizionali.
LEGGI DI PIÙ SU...
La storia
ANANAS
L'ananas è originario del Sud America. Fu portato nelle isole caraibiche dagli indi Caribi e arrivò in Europa solo dopo ai viaggi di Colombo, grazie agli spagnoli e agli inglesi che la esportarono anche nelle filippine e alle Hawaii.
Sbarcò in Inghilterra nel 1660 dove iniziò ad essere coltivato in serra. Anche Francia e Belgio si dedicarono alla coltivazione in serra dell'ananas per il consumo locale, producendo frutti magnifici ma di costo elevatissimo.
Oggi l'ananas è prevalentemente importato, andando a costituire una delle principali risorse per i paesi che ne sono esportatori: il Costa Rica e gli stati dell'Africa Occidentale (Costa d'Avorio, Ghana, Togo, Benin, Nigeria e Camerun), ma anche i Paesi tropicali americani come l'Honduras, il Messico, la Repubblica Dominicana, l'El Salvador, l'Ecuador, il Nicaragua, la Thailandia e le isole Hawaii.

ZENZERO
Il ginger (Zingiber officinale), nome inglese dello zenzero, è una pianta erbacea coltivata per la sua radice. Non si conoscono varietà selvatiche di zenzero, per cui la sua origina rimane incerta. È però probabilmente originario dell'India, che ne è tuttora il maggior produttore mondiale e il paese in cui se ne coltiva il maggior numero di varietà.
Già nel V sec. d.C. Si trasportavano piante di zenzero in vaso per mare lungo le rotte commerciali dell'Oceano Indiano, una delle spezie più commercializzate insieme al pepe nero tra il XIII e il XIV sec.
In questo periodo in Inghilterra le spezie erano molto ricercate: una libbra di zenzero equivaleva al costo di una pecora.

PAPAYA
La Papaya è una pianta originaria della zona tropicale del Messico e del Centro America. Le prime notizie che lo riguardano risalgono al 1526, quando fu ritrovata dal cronista spagnolo Oviedo sulle coste caraibiche della Colombia e di Panama.
Lo spagnolo Hernàn Cortès racconta invece che, pochi anni prima, durante la conquista del Messico, le popolazioni Azteche offrirono all'avventuriero e ai suoi conquistatori la papaya alla fine di un abbondante banchetto, come aiuto per digerire.
Da allora la papaya si è diffusa in tutte le aree tropicali del mondo. Nel Mediterraneo è coltivata in Israele e a Cipro, mentre in Italia si trova solo in Sicilia.
La coltivazione
ANANAS
Gli ananas sono frutti curiosi. Tecnicamente sono infruttescenze, ovvero un complesso di frutti derivati dai fiori di un'infiorescenza, così come i fichi o le spighe di grano. È difficile stabilire quando un ananas è maturo, la maturazione inizia dalla base del frutto, e prosegue verso l'alto. In genere l'ananas è maturo quando produce un suono solido e sordo ed è per metà di colore giallo-arancio.

ZENZERO
Oggi lo zenzero è coltivato in tutte le aree equatoriali, tropicali e subtropicali, con clima monsonico. L'attuale maggior produttore è l'India, che da sola fornisce più del 35% della produzione mondiale, seguito dalla Cina.
La pianta dello zenzero assomiglia alla canna da zucchero nell'aspetto, ha foglie strette a forma di lancia che, se sfregate, emanano un buon profumo di canfora e limone.
La radice è estratta solo dopo la fioritura quando la pianta comincia a ingiallire.

PAPAYA
La papaya trova il suo habitat naturale in climi tropicali e subtropicali, dato che esige una temperatura media di circa 25° per la crescita e per la produzione. L'albero della papaya ha un portamento simile alla palma e può raggiungere fino ai 20 metri di altezza.
Il frutto è una bacca caratterizzata da forma e dimensioni molto variabili, assomiglia a un melone, è più o meno aranciato e racchiude piccoli semi neri, ricoperti da una pellicola mucillaginosa.
Il frutto
ANANAS
Il frutto dell'ananas è consumato fresco, sciroppato o in succo. Il gambo invece, molto ricco dell'enzima bromelina (ma solo se fresco), è capace di controllare gli edemi traumatici o di origine infiammatoria, presentando anche un'azione antiaggregante piastrinica.
L'ananas disidratato viene commercializzato di solito a cubetti o ad anelli.

ZENZERO
Lo zenzero non viene coltivato perciò per il frutto, ma per la sua radice, il rizoma.
Il rizoma essiccato è generalmente commercializzato in polvere, impiegato come spezia in cucina e nella preparazione di liquori.
Candito o sciroppato è un dolciume apprezzato sia in Oriente che Occidente.
Lo zenzero è alla base del mix di spezie del curry in Estremo Oriente, in particolare in India e nell'area del Sud-Est asiatico.
Nei paesi anglosassoni lo si impiega soprattutto nelle preparazioni di birre o di altre bevande fermentate come il ginger-ale o nella produzione di dolci come il pain d'epice, il pane speziato dei paesi nord-europei, e dei biscotti natalizi.
Lo zenzero disidratato è di solito commercializzato a cubetti e mescolato ad altri frutti esotici.
Lo zenzero candito, usato come dolce e dalle proprietà digestive, si ottiene da radici giovani immerse in sciroppo di zucchero, essiccate e cristallizzate.

PAPAYA
La papaya essiccata viene commercializzata in cubetti o a fettine. Può essere di colore rosso o giallo, colore ottenuto artificialmente.
Le curiosità
ANANAS
LA PIGNA PIU' PREZIOSA
Nell'antichità gli indigeni del Sud America consumavano il succo di ananas per facilitare la digestione e come cura per il mal di stomaco, mentre le donne lo utilizzavano come agente pulente e salutare per la pelle.
Dagli esploratori spagnoli era chiamato pigna e gli europei invece la definivano pigna reale per il suo elevatissimo costo. Gli inglesi cambiarono il suo nome in pineapple per la sua somiglianza ad una pigna, pine, e per il suo cuore pieno di succo, che ricorda la mela, apple.

UN'ANANAS IMPOSSIBILE A ROMA
Un ananas impossibile a Roma. Al Museo Nazionale di Palazzo Massimo a Roma è conservato un pavimento a mosaico che risale a un periodo collocabile fra il I secolo a.C. ed il I secolo d.C. In cui è raffigurato un ananas, con il tipico colore, la caratteristica infiorescenza a spiga e le scaglie. Pare alquanto impossibile che possa essere un ananas perché il frutto è arrivato in Europa dopo la scoperta dell'America. Un' ipotesi plausibile è che il mosaicista abbia raffigurato una pigna di pino domestico ornandola con un incongruo ciuffo di foglie con scarso risultato. Altra possibilità è che il mosaico sia stato sottoposto in passato a un restauro integrativo che ha portato alla presenza dell'ananas.

ZENZERO
IN CUCINA O IN FARMACIA?
Lo zenzero era noto già nell'antichità per le sue molte proprietà medicamentose. In epoca imperiale a Roma era infatti ricercata più come medicinale che come ingrediente in cucina.
L'impiego di questa pianta è stato trattato da illustri personaggi del passato d'oriente e d'occidente quali Galeno, Ippocrate e Confucio.
Nella medicina araba lo zenzero è anche considerato afrodisiaco e alcuni popoli dell'Africa ritengono che mangiarne regolarmente preservi dalle punture delle zanzare.

PAPAYA
CURARSI CON LA PAPAYA
La papaina, l'enzima principale contenuto nella papaya, è un ottimo digestivo e agisce sulla rigenerazione dei tessuti, motivo per cui la pianta viene utilizzata anche in ambito cosmetico. Inoltre, dalla buccia della papaya ancora acerba può estrarsi un lattice di colore biancastro che, essiccato, è usato in campo farmaceutico come antiparassitario intestinale.



Una ricetta selezionata

Gustosi piatti per tutti i gusti

  • 6-8 persone
  • Tempo: 60 minuti
  • Difficoltà Media
  • frutti esotici
Torta "Caraibi" di Luca Montersino
Torta

Vai a tutte le ricette