Junior
Frutta secca: come e quando inserirla nella dieta dei bambini
Uva Viola Bio
Vedi prodotto
Junior

Frutta secca: come e quando inserirla nella dieta dei bambini

Frutta secca: un’integratore anche nell’alimentazione dei più piccoli

Le proprietà nutritive della frutta secca si dimostrano utili anche per integrare la dieta bilanciata dei bambini.
Nutriente, energetica, e ricca di proprietà antiossidanti. La frutta secca e disidratata fornisce velocemente un corretto apporto di proteine, fibre, vitamine e Omega 3. Contribuisce a rafforzare il sistema immunitario e favorisce il corretto funzionamento degli organi e la formazione dei nuovi tessuti.

Alcuni accorgimenti con i bambini più piccoli

Quando non c’è un’allergia conclamata o il rischio di ereditarietà della stessa, la frutta secca può essere somministrata anche ai bimbi più piccoli.
A partire dal primo anno di età del bambino, la frutta secca e disidratata può essere usata come ingrediente per la preparazione di dolci e piatti in genere, tritata o sminuzzata molto finemente.
Prima dei 3-4 anni, la somministrazione ai bambini della frutta secca intera o in pezzi viene sconsigliata. Le piccole dimensioni della frutta secca, infatti, ne favoriscono l’inalazione accidentale o la possibilità di essere inghiottita senza un’adeguata masticazione, causando spiacevoli casi di soffocamento.

Un’ottima alternativa

Quando il bambino sarà in grado di consumarla in autonomia, la frutta secca diventerà un’ottima alternativa alle merende industriali e confezionate.
A colazione, noci e mandorle possono arricchire la tradizionale tazza di latte caldo e cacao o lo yogurt al naturale.
Datteri, albicocche e uva sultanina ammollata in acqua tiepida sono pratici snack spezza-fame da consumare nelle occasioni più disparate.
Anche le caramelle possono essere sostituite con golosa frutta disidratata. Mele, ananas, uva viola… C’è solo l’imbarazzo della scelta. Mixali in una confezione trasparente e richiudibile. Questi frutti possono essere portati in tasca o nello zainetto, pronti per essere consumati in qualsiasi momento.
Nocciole, pistacchi e anacardi possono diventare i protagonisti della merenda dei bambini. Consumati interi (magari, abbinati a una porzione di buon cioccolato), o tritati grossolanamente, diventano sfiziosi ingredienti utili ad arricchire gli impasti delle torte e dei biscotti fatti in casa.

Tags:

Articoli che potrebbero interessarti



Iscriviti alla nostra newsletter