Junior
I 10 punti del Manifesto del Gioco Attivo
Bio Barretta BBMix Benessere
Bio Barretta BBMix Benessere
Vedi prodotto
Junior

I 10 punti del Manifesto del Gioco Attivo

Bambini, giocare insieme è più bello! I benefici del gioco in compagnia

Per i bambini, giocare insieme ad altri coetanei è fondamentale per sviluppare la socialità e il confronto positivo.
Grazie al gioco, soprattutto se viene praticato all’aperto e con giocattoli che spalancano le strade della fantasia, un bambino stimola il corpo, la mente… Insomma, tutti i sensi!
E il gioco condiviso è in grado di accrescere in maniera esponenziale l’esperienza ludica del singolo.

Cos’è il Manifesto del Gioco Attivo?


Nel 2021, nell’ambito del progetto Esci fuori. Cresci dentro! promosso dall’azienda statunitense Little Tikes specializzata in giocattoli per l’infanzia da più di 50 anni, un comitato scientifico italiano (formato da medici, psicoterapeuti, psicomotricisti, antropologi e psicopedagoghi) ha contribuito a comporre il Manifesto del Gioco Attivo, cioè una serie di regole utili a migliorare la qualità del tempo libero dei bambini.
L’iniziativa è volta a sensibilizzare famiglie, istituzioni e società a una maggiore consapevolezza del ruolo del gioco attivo nella crescita di ogni bambino. In sostanza, nel Manifesto, il gioco in età infantile viene considerato un elemento fondamentale della formazione culturale dei più piccoli.

Cosa significa “gioco attivo”?

Insieme all’abitudine ai libri e alla lettura, alle piccole esperienze in cucina o alla cura di un orto domestico, il gioco è un tassello fondamentale, nella crescita di un bambino, perché stimola la creatività e favorisce la socializzazione e la consuetudine all’inclusione.
Troppo spesso, però, in un’epoca frenetica come quella attuale, il gioco dei bambini si riduce a una forma passiva di intrattenimento. Il bambino asseconda in solitaria schemi semplici e prestabiliti, come quelli delle app ludiche disponibili per i dispositivi digitali o dei giocattoli “strutturati”.
In questi casi, se reiterati, la fantasia del bambino viene limitata e l’interazione con altri individui è praticamente estromessa.
Per contrastare queste abitudini, c’è il gioco attivo!
Con questo termine (active playing, per gli anglosassoni), si intende un tipo di attività ludica in grado di coinvolgere sia l’intelletto che la motricità dei bambini, meglio se all’aperto e in compagnia di altre persone.

I 10 punti del Manifesto del Gioco Attivo

Il Manifesto del Gioco Attivo è un decalogo che, con parole semplici, spiega in cosa consiste un’esperienza di gioco positiva e ricca. In poche parole, divertente!
Ecco in che cosa consiste: se vuoi approfondire i 10 punti che lo compongono, dài un’occhiata al sito ufficiale del progetto.

1. Giocare, che emozione! (Emozioni): giocare per trovare un equilibrio naturale tra corpo e mente.

2. Mettere in gioco i nostri sensi è un’esperienza sorprendente (Multisensorialità / natura): giocare vuol dire anche esplorare il mondo con i cinque sensi e scoprire, letteralmente, la Natura.

3. Giocare è partecipazione (Socialità / relazione / inclusione): giocare in compagnia, permette di (ri)trovare il piacere di stare con se stessi e con gli altri, senza competizioni sterili.

4. Sbagliare fa parte del gioco (Resilienza / autostima / corpo / movimento): bisogna ricordare sempre che il gioco è uno spazio libero da ogni giudizio e non deve minare l’autostima del bambino! Un errore può far nascere nuove possibilità e opportunità.

5. Stare insieme è un gioco che si impara da piccoli (Convivenza / educazione civica / limite / cooperazione): rispettare le regole di un gioco condiviso aiuta il bambino a capire le esigenze di chi sta giocando con lui, dando il via alla complicità e alla cooperazione.

6. Chi più gioca meglio sta (Salute / benessere): garantire al bambino in età prescolare almeno 180 minuti al giorno di movimento è fondamentale per il suo benessere (fonte: Ministero della Salute, su indicazioni dell’OMS). Ancora meglio, poi, se il bimbo gioca all’aperto e, correttamente vestito e protetto dai raggi solari, in ogni stagione, fa una ricarica di Vitamina D!

7. La scoperta di sé è un gioco meraviglioso (Espressione di sé / Identità/ schema corporeo): il gioco mette il bambino davanti a scelte precise e gli permette di sviluppare personalità e intelletto.

8. Io gioco: tempo indicativo presente (Dimensione temporale / valore del silenzio): giocare è un puro esempio di Mindfulness, perché insegna a coltivare il concetto di qui e ora e sviluppa la concentrazione.

9. Giocare trasforma le pietre in sentieri (Creatività): giocare permette di immaginare la vita da nuovi punti di vista e trasformarla!

10. Il gioco è l’inizio di un mondo migliore (Equità / incontro): il gioco permette di comprendere, accogliere e valorizzare la diversità. Le differenze di età, sesso o cultura sono una ricchezza da conoscere e il primo passo per costruire un mondo più equo e inclusivo.

[Photo Credit: MI PHAM via Unsplash].

Articoli che potrebbero interessarti

Ricevi uno sconto extra del 10%*