Sport
La corsa? È benessere e libertà! Intervista a Sara Dossena
BBFit Noci sgusciate
BBFit Noci sgusciate
Vedi prodotto
Sport

La corsa? È benessere e libertà! Intervista a Sara Dossena

Sara Dossena: una vita nel segno dello sport

Gli amanti del triathlon e della maratona conoscono sicuramente il nome e le imprese di Sara Dossena, triatleta con la corsa nel sangue.
Classe 1984, originaria di Clusone, in provincia di Bergamo, Sara ha cominciato la sua carriera sportiva agonistica quando era ancora adolescente, debuttando nel mondo dell’atletica leggera. Perseverante e irriducibile: Sara non ha mai rinunciato allo sport, anche quando i suoi obiettivi sono stati compromessi da alcuni gravi infortuni che hanno cambiato gradualmente le sue prospettive sportive e, inevitabilmente, la sua vita.

Una campionessa sempre pronta a nuove sfide

La corsa? È benessere e libertà! Intervista a Sara Dossena © Sara Dossena

Corsa in montagna, fondo, mezzofondo, corsa campestre, duathlon… Sara ha vinto diversi premi nazionali e internazionali, gareggiando in diverse discipline: il suo palmarès è spettacolare.
Uno stop forzato a seguito di un infortunio e la riabilitazione in piscina le hanno permesso di sperimentare il triathlon, facendole scoprire nuovi orizzonti e sfide inedite.
Nel 2017, ha vinto il campionato italiano dei 10000 m con il tempo di 33 11” e ha esordito nei 42 chilometri della maratona di New York, piazzandosi sesta (prima europea al traguardo) e conquistando il secondo tempo italiano dell’anno.

Sara la fenice

Sara parla della sua avventura sportiva e personale in Io, fenice (Fenice Sas Edizioni, 2018), il suo primo libro, scritto con la collaborazione di Maurizio Brassini e Francesca Grana. Il volume è in vendita da pochi giorni: l’occasione è propizia per parlare con lei della sua più grande passione, la corsa.

La corsa: impareggiabile benessere fisico e mentale

Sara, come ti descriveresti in tre parole?
Determinata, istintiva ed esigente.

Ci racconti il tuo primo approccio allo sport?
Prima di trovare la mia disciplina, ho provato un po’ di tutto, soprattutto sport di squadra. Però, niente mi dava soddisfazione. Soprattutto, non mi piaceva che il risultato finale non dipendesse unicamente da me! Così, a 17 anni, ho iniziato a fare atletica. O, forse, l’atletica ha scelto me? Poi, per via di molti infortuni, sono passata al triathlon e, ora, di nuovo all’atletica, ma con un nuovo obiettivo: correre. E correre forte la maratona.

La corsa? È benessere e libertà! Intervista a Sara Dossena © Sara Dossena

Qual è la sensazione più bella che provi mentre corri?
Quando corro, provo un senso di benessere e libertà che nessun altro sport riesce a darmi. Un benessere fisico e mentale. Durante, ma anche dopo la corsa!

Nel bel mezzo di una gara inizi ad essere stanca: cosa fai per rimanere concentrata sull’obiettivo?
Sicuramente, in gara ci sono momenti di difficoltà. Spingi il corpo al limite e devi essere allenato anche a rimanere concentrato per sopportare un senso di fatica a cui, normalmente, non sei abituato. Col tempo, ognuno riesce a trovare dei piccoli trucchi per resistere. Io non ho un pensiero costante. Dipende da gara a gara, da una situazione all’altra.

Arrivare alla fine di una lunga corsa e tagliare finalmente il traguardo. Cosa si prova?
Se la gara è andata bene, provo sicuramente soddisfazione e felicità. Gli sforzi fatti in allenamento sono ripagati! Se, invece, la gara è stata al di sotto delle aspettative, non mi demoralizzo. Anche questa deve essere un’occasione per trovare nuove motivazioni, per capire gli errori e migliorarmi per la prossima sfida.

© immagini: Sara Dossena

Articoli che potrebbero interessarti



Iscriviti alla nostra newsletter