⭐️ Spedizione gratuita per ordini sopra ai 35 euro ⭐️
carrello Carrello
⭐️ Spedizione gratuita per ordini sopra ai 35 euro ⭐️
close icon

Semi di Zucca

immagine frutto
Piccoli ma preziosi dal punto di vista nutrizionale, i semi di zucca rendono speciali molte ricette.

Nelle sue numerose varianti locali, la zucca è un ortaggio molto versatile: oltre alla sua gustosa e colorata polpa, infatti, è possibile mangiarne anche i semi! Tostati in forno e leggermente salati, i semi di zucca sono fra gli snack tradizionali più conosciuti e diffusi, ottimi per essere consumati durante qualsiasi momento di relax, da soli o in compagnia. Opportunamente selezionati e conservati, secondo procedure ben note a Ventura, i semi di zucca possono essere usati anche come complementi originali per le migliori ricette... salate. Oltre a fornire un bilanciato apporto calorico, i semi di zucca contengono grassi, fibre e proteine vegetali e sali minerali preziosi come Fosforo, Magnesio e Zinco.

Leggi di menoLeggi di più

VALORI NUTRIZIONALI

medi per 100g di prodotto

in 100g di prodottoAGR*
Energia2514kJ / 607kcal 30%
Grassi49g 70%
di cui grassi saturi8,5g 43%
di cui monoinsaturi16g
di cui acidi grassi polinsaturi20g
Carboidrati8,2g 3%
di cui zuccheri1,3g 1%
Fibre6,5g
Proteine30g 60%
Sale0,0g 0%
Niacina4,4mg 28%
Potassio788mg 39%
Fosforo1174mg 168%
Magnesio550mg 147%
Ferro8,1mg 58%
Zinco7,6mg 76%
* La % si riferisce agli apporti necessari per un adulto medio (8400 kJ/ 2000 kcal)
Il Frutto
La Storia
La Coltivazione
Le Curiosità

La zucca è tipica delle trafizioni gastronomiche di diverse culture. Oltre alla polpa di zucca, che può essere servita come contorno, nelle zuppe e nei dolci, se ne mangiano anche i semi.
I semi di zucca vengono consumati soprattutto salati e tostati. La tostatura avviene a una temperatura di circa 120°C. Per ottenere un prodotto perfettamente pulito dal sale, si ricorre a forni rotativi. Al contrario, per ottenere i cosiddetti semi di zucca extra-salati, vengono usati forni a nastro.
I migliori semi di zucca provengono da Ucraina e Serbia. Altri Paesi produttori sono anche Cina, Romania e alcuni Paesi dell'Est.
Esistono due varietà principali di semi di zucca: Yellow e White. La varietà White viene utilizzata soprattutto per ottenere i semi di zucca extra- salati, poiché il guscio più spesso riesce a trattenere meglio il sale. La varietà "Cucurbita stiriana" (Yellow) produce semi verdi dal guscio talmente morbido che non occorre spellarli.
Dai semi, si estrae un olio, molto gustoso, di colore molto scuro e più denso dell'olio d'oliva, ma con un gusto gradevole. Nelle regioni dell'Est europeo, dove gli ulivi scarseggiano, è usato spesso come condimento per le insalate.
Con la polpa della zucca, si possono preparare maschere cosmetiche. In ogni parte del mondo, la zucca viene utilizzata anche come contenitore o come decorazione.

La zucca è arrivata in Europa dopo la scoperta dell'America, insieme a mais, patata e pomodoro.
I semi più antichi di cui si ha traccia risalgono a 6000-7000 anni fa e sono stati ritrovati in Messico. Nel continente americano, la zucca era tra gli alimenti base delle popolazioni locali. I primi colonizzatori impararono proprio dai nativi a coltivarla e utilizzarla sia come alimento che come "medicina" popolare.
In Europa, prima del '500 l'unica specie coltivata era la Lagenaria, una zucca dal collo lungo utilizzata per uso alimentare, oppure, dopo un adeguato essiccamento, svuotata per farne lucerne, contenitori di vino o di acqua, li stessi che si possono osservare appesi al bastone di S. Rocco nell'iconografia sacra.
Veniva anche usata per trasportare il sale, il latte o i cereali.

La zucca appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae, come zucchina, peperone, cocomero e cetriolo.
Le piante delle zucche sono vigorose, a fusti striscianti o a cespuglio. Le foglie e i piccioli sono ricoperti di peli ruvidi, i fiori sono grandi e di colore giallo intenso.
Le zucche si raccolgono dall'estate fino all'autunno inoltrato. In Italia, le zone particolarmente vocate sono la Pianura Padana e la Campania.
In botanica, le zucche si dividono in quattro categorie: Cucurbita maxima, Cucurbita moscata, Cucurbita pepo, Cucurbita melanosperma, o, più semplicemente, zucche da inverno e zucche da zucchini.

L'ORIGINE DEL TERMINE ZUCCA
Il termine italiano zucca deriva da cocutia, testa, che si è trasformato in cocuzza e infine in zucca.

I MILLE USI DELLA ZUCCA
A seconda della forma, dalle zucche è possibile ricavare utensili come piatti, ciotole e cucchiai, oppure strumenti musicali come le maracas sudamericane, spesso decorate con disegni caratteristici, a volte impressi a fuoco, come si usa anche in Sardegna.

LA ZUCCA NELLE FIABE
Per Cenerentola, la zucca è il mezzo di locomozione che le consente di trasferirsi nel palazzo reale e di tornare a rifugiarsi in un cantuccio del focolare, tra la cenere. Nei paesi anglosassoni, nella notte di Halloween, la festa nordica di fine estate, la zucca diventa Jack-o'-Lantern, una lanterna rudimentale dalle sembianze umane, utilizzata per scacciare streghe e fantasmi. Anche nelle campagne italiane, la zucca vuota veniva intagliata e illuminata con una candela nella notte dei santi, e veniva chiamata mortesecca.

Ricette

Insalata di orzo con totani, pesto, piselli e BBMix Ventura

icona porzioni
Persone
x 4
icona porzioni
Difficoltà
minima
icona porzioni
Tempo
30 MIN
Vai alla ricetta Scopri tutte le ricette
Il nostro magazine
Ricevi uno sconto extra del 10%*

Una password verrà inviata al tuo indirizzo email.